Politica

Malaparte e la politica

Antonio Spinosa e Massimo Fini hanno ricostruito la personalità politica dello scrittore pratese Curzio Malaparte (Prato, 9 giugno 1898 – Roma, 19 luglio 1957). Malaparte fu inizialmente un fascista non mussoliniano che auspicava un’Italia libera da monarchia e Vaticano, e pertanto intendeva il fascismo come un movimento rivoluzionario e di liberazione.

Dal fascismo cominciò ad allontanarsi tuttavia già poco dopo l’instaurazione della dittatuta nel 1925, riscontrando come fosse lontano nella prassi politica da quelle idee di rivoluzione sociale che Malaparte perseguiva, e proprio a causa delle sue posizioni antifasciste nel 1933 venne confinato a Lipari.

La sua complessa personalità, vitalista e mondana, ma anche fragile, introversa e poetica, si tradusse in ogni particolare architettonico della sua casa di Capri, costruita su uno sperone di roccia battuto dai venti, il più riuscito racconto di sé.

Autore

Andrea Sarti

Lascia un commento