Economia

Pagamenti elettronici, Confcommercio: «Costi ancora troppo alti»

Franco Marinoni, direttore Confcommercio Toscana

«Abbattere commissioni e costi in carico a imprese e consumatori sui pagamenti elettronici è la vera strada per contrastare l’evasione fiscale». E’ questo il commento di Confcommercio sulla novità inclusa nel decreto per l’attuazione del PNRR approvato in Consiglio dei Ministri il 13 aprile 2022.

«L’introduzione dal 30 giugno delle sanzioni per chi non accetterà i pagamenti con POS e Bancomat non spaventa le nostre imprese, piuttosto accende i riflettori su un nodo che, nonostante i solleciti, ancora non è stato sciolto. La categoria è ormai pronta a un utilizzo sempre maggiore della moneta elettronica ma ciò non toglie che le commissioni siano ancora troppo alte e gravino sulle spalle delle imprese.

Questo oggi non è più sostenibile. I costi devono essere abbattuti a partire dal potenziamento dello strumento del credito d’imposta sulle commissioni pagate dall’esercente e prevedendo la gratuità dei cosiddetti micropagamenti».

Autore

Redazione

Lascia un commento