Fiorentina

Pronti, partenza, via.

Inizia questo anomalo campionato nel week end di ferragosto di una torrida estate. La Fiorentina si presenta rinnovata in diversi reparti con rinforzi mirati (dal portiere al cantrocampo al centravanti) e la conferma del centrale Milenkovic, segnali importanti per una stagione da protagonista.
Dopo una buona campagna abbonamenti chiusa a 21.325, enorme entusiasmo della tifoseria che all’esordio arriva a riempire il Franchi con 34.261 spettatori. Considerando che l’antagonista è la neo promossa Cremonese che torna nella massima serie dopo 26 anni. A dare una maggiore carica alla squadra viola torna dopo molti mesi anche il presidente Rocco Commisso.

Mister Italiano parte con il solito modulo del 4-3-3, tra i pali Gollini, Benassi, Quarta, Milenkovic, Biraghi, Bonaventura, Amrabat, Maleh, Kouame, Jovic, Sottil.

Al 16esimo assist di Kouame e Bonaventura realizza il primo goal dei viola che porta al vantaggio. Neanche il tempo di esultare e i grigiorossi pareggiano con un colpo di testa di Okereke. complice una disattenta difesa gigliata.

Al 33esimo arriva il vantaggio del serbo Jovic con un destro che si infila nell’angolo della porta. Prima dell’intervallo espulsione di Escalante per un brutto fallo su Kouame. Dopo 4 minuti di recupero si chiude la prima parte della gara..

Nella ripresa un paio di belle occasioni degli ospiti vengono bloccate dal portiere Gollini, fino alla rete al 68esimo del pari dei grigiorossi. Bonaiuto direttamente da corner, che gela letteralmente il Franchi..

Mister Italiano inserisce forze fresche con gli innesti di Mandragora e Saponara al posto di Amrabat e Kouame.Poi è la volta di Zurkowski al posto di Maleh. e Nico Gonzalez per Sottil..

La gara si fa in salita mentre scorrono i minuti. Nel lungo recupero di sei minuti arriva il terzo goal di Mandragora. Il portiere Radu della Cremonese regala un successo ormai insperato ma meritato per occasioni e possesso palla.
Tre punti fondamentali per una buona partenza in previsione dei preliminari di giovedì di Conference League contro gli olandesi del Twente.

Errori e ingenuità sono emerse nella squadra viola che avrà tutto il tempo per ovviare nell’arco della stagione. Se il buongiorno si vede dal mattino…

Buona la prima, con la convinzione di migliorare e dare un’impronta nel cammino in Europa..

Autore

Patrizia Iannicelli

Lascia un commento